martedì 31 maggio 2011

La leggerezza dell'acqua



La leggerezza dell'acqua
Regia: Riccardo Cavani e Luca Lamorte
Sinossi: Due bambini giocano con i soldatini, mentre nella mente del loro nonno riaffiorano ricordi del passato.

10 commenti:

  1. Tenevo a precisare che la regia è sia mia che di Luca Lamorte.
    Questo filmato è stato caricato erroneamente in 16:9, ma originariamente era un 4:3.

    Di seguito il link al filmato originale
    http://www.youtube.com/watch?v=ninKsxDnY7c

    RispondiElimina
  2. Giacomo Morleo23 giugno 2011 10:24

    Bravi! il cortometraggio centra bene il tema del concorso e la sua efficacia visiva si trasmette anche nei contenuti che esprime, mantenendo una decisa linea di pensiero che invita lo spettatore a riflettere sia sulla guerra che sul tema della trasmissione della memoria alle successive generazioni.

    RispondiElimina
  3. è molto forte come da un gioco di bambini lui il povero vecchio gli si riaccenda una ferita della sua passata vita militare molto profondo questo corto mi ha toccata

    RispondiElimina
  4. Ciao Riccardo, ho visto e votato il vostro corto,nonni e bambini sono sempre un tema a me molto caro.L'idea dell'acqua che trasporta ricordi e intenzioni pure, trovo sia una sorta di panta rei che toccherà i cuori di molti. in bocca al lupo
    Annarita

    RispondiElimina
  5. Ciao Riky e Luca, il corto è davvero bello, trasmette tante emozioni, mi ha commosso,davvero tanti complimenti, fa riflttere moltissimo su tanti aspetti, non solo sulla guerra, ma anche sull'amore e rispetto tra nonni e nipoti..
    Miky

    RispondiElimina
  6. riki mi sono commossa un sacco! complimenti... linda

    RispondiElimina
  7. Mi piace molto la fotografia ma anche come hai unito i temi delle generazioni e della guerra. La magia della leggerezza dell'acqua e della purezza infantile sono poi stati due tocchi finali d'artista. I nostri auguri. Paola e Roldi

    RispondiElimina
  8. Un grosso ringraziamento agli organizzatori del festival e tutti voi per i vostri commenti e i vostri voti!

    Con affetto,
    Riccardo

    RispondiElimina